Cowash per i capelli grassi

Avete mai pensato di lavare i capelli solo con il balsamo? Ebbene se per qualcuno può sembrare un’assurdità è in realtà la moda del momento: il cowash.

La parola cowash deriva da “conditioner only wash” ossia “lavare solo con il balsamo”. Sembrerebbe la svolta anche per chi ha i capelli grassi. Come è possibile?

È un sistema che permette di lavare la chioma senza utilizzare lo shampoo, questo fa sì che: chi ha i capelli grassi e deve lavarli spesso non corre il rischio di sciuparli e rovinarli.

Cowash cos’è e come si realizza?

Come abbiamo già detto il cowash è una tecnica che permette di detergere la capigliatura con l’ausilio di due soli prodotti: il balsamo e lo zucchero. È low cost e particolarmente indicato per chi ha i capelli grassi, sottili e che presenta forfora grassa o secca sul cuoio capelluto.

È la soluzione ottimale per chi deve lavare frequentemente la chioma ma al tempo stesso non vuole indebolirla con shampoo con tensioattivi aggressivi.

Il cowash non presenta sostanze chimiche come gli shampoo in commercio, non aggredisce il cuoio capelluto e non rende i capelli ancora più grassi. Al contrario, la presenza dello zucchero in abbinamento al balsamo effettua sul cuoio capelluto uno scrub, un esfoliazione profonda che va a rimuovere la forfora e le impurità, inoltre, si va a stimolare direttamente il rinnovamento cellulare.

Cosa occorre per realizzare il cowash?

Sono necessari:

  • Balsamo quanto basta, in base al volume e alla lunghezza della chioma
  • Una tazzina piccola di zucchero

 

Il più indicato è lo zucchero di canna, non deve essere grezzo altrimenti impiega troppo tempo a sciogliersi.

Amalgamate bene questi due ingredienti finché non avrete ottenuto una crema omogenea.

Bagnate la chioma con acqua non troppo calda e cominciate ad applicare il composto su tutto il capo effettuando movimenti circolari con i polpastrelli, non con le unghie. Continuate a stendere il prodotto anche sulle lunghezze e sulle punte.

Quando non percepite più lo zucchero con le dita risciacquate con abbondante acqua in modo da eliminare completamente il composto.

Il balsamo deve essere rimosso perfettamente dalle radici altrimenti quando andrete ad asciugare i capelli, appariranno grassi e appesantiti.

Per completare il lavaggio è importante effettuare il risciacquo acido, l’ultimo sciacquo deve esser fatto con un cucchiaino di aceto di mele diluito in un bicchiere di acqua. Il risciacquo acido aiuta tutti i tipi di capelli, non solo quelli grassi, ad essere più luminosi, meno grassi, sani, privi di forfora e forti.

Inoltre se volete potete tranquillamente unire al composto degli oli essenziali che doneranno alla chioma una gradevole profumazione.

Cowash quando farlo?

È ideale:

  • In estate, quando la capigliatura viene lavata più spesso a causa della salsedine, del sudore e del cloro.
  • Se vai in palestra o in piscina e devi lavare la tua chioma con frequenza.
  • Dopo aver utilizzato le erbe tintorie, in questo caso è consigliatissimo perché essendo meno aggressivo dello shampoo rende la colorazione più duratura.
  • Se hai i capelli grassi o secchi.

 

Il cowash è sempre consigliato eccetto in quei casi in cui il cuoio capelluto presenta dermatiti, psoriasi e prurito. In questo caso il potere esfoliante del composto potrebbe causare ulteriore irritazione e per questo è meglio evitare.

Cowash e capelli grassi

Come abbiamo già detto il cowash è particolarmente indicato in caso di capelli grassi. Rappresenta un ottimo modo per detergere perfettamente la chioma e farla durare pulita più a lungo.

Per rendere il composto più efficace contro il problema dei capelli grassi potete aggiungerci del bicarbonato, dell’aceto di mele o del limone che andranno ad assorbire l’eccesso di sebo rendendo la chioma pulita e luminosa.

Alla ricetta base basta aggiungere:

  • o un cucchiaio di bicarbonato,
  • o un cucchiaio di aceto di mele,
  • o un cucchiaio di succo di limone.

 

Cowash e capelli secchi

Il cowash è un lavaggio particolarmente indicato, oltre per chi ha i capelli grassi, anche per chi li ha secchi e fragili. Alla ricetta base basta aggiungere alcuni preziosi ingredienti che andranno a nutrire la chioma e a rinforzarla dalle radici:

  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 cucchiaino di aloe vera

 

Il composto va steso su tutta la capigliatura e lasciato in posa per almeno 5 minuti. Al termine risciacquate con cura e con abbondante acqua tiepida.

Perché si utilizza il balsamo?

Si preferisce il balsamo perché al contrario dello shampoo presenta dei tensioattivi più delicati e in dosi minori. Essendo minore la quantità di tensioattivi saranno minori anche i danni che possono provocare alla barriera idrolipidica del capello.

Come scegliere il balsamo per il cowash?

Quando scegliete il balsamo per detergere i capelli grassi con il cowash, leggete bene l’ INCI (International nomenclature of cosmetic ingredients). Sceglietene uno che non sia troppo aggressivo e che non presenti troppe sostanze chimiche come:

  • il dimeticone
  • i siliconi
  • i parabeni (methylparaben, ethylparaben, propylparaben, isobutylparaben, butylparaben e benzylparaben) sono conservanti presenti oltre che nel balsamo anche negli shampoo, nei deodoranti, nei detergenti e in molti altri prodotti cosmetici di cui facciamo largo impiego ogni giorno.
  • tensioattivi come gli SLS (sodium lauryl sulfate) e gli SLES (sodium laureth sulfate) sono sostanze schiumogene aggressive che possono indebolire i capelli e irritare il cuoi capelluto.
  • l’alcool
  • ammonio lauril solfato
  • il profumo

 

Potete finalmente dire addio ai capelli grassi con il cowash!

Leggi anche come Infoltire i capelli fini e diradati con rimedi naturali.

Autore dell'articolo: admin

avatar