Lievito di birra, come assumerlo ?

Tutti abbiamo sentito parlare del lievito di birra, ma quali sono i suoi reali benefici? E soprattutto come assumerlo?

Partendo dal suo nome, il lievito viene definito di “birra” in quanto veniva prodotto direttamente dagli scarti della lavorazione della birra, i primi che però lo scoprirono furono gli egizi nel 1500 a.C. ma soltanto dalla seconda metà del XIX secolo venne impiegato come panificatore.

Esistono due tipologie di lievito di birra:

  • Quello fresco, attivo e facilmente deperibile, caratterizzato da saccaromiceti Questa tipologia è particolarmente utilizzata in cucina per la lievitazione degli impasti, è il famoso “lievito da pane”.
  • Quello secco, inattivo e a lunga conservazione, si caratterizza per la presenza devitalizzata di saccaromiceti, ciò vuol dire che non è in grado di fermentare e per questo non viene impiegato in cucina ma come integratore alimentare. È il famoso “lievito alimentare”.

 

Valori nutrizionali del lievito di birra

Il lievito di birra presenta un mix di vitamine del gruppo B (eccetto la B12), proteine, carboidrati, grassi, fibre, sodio e folati.

Presenti anche minerali quali:

  • Magnesio,
  • Calcio,
  • Fosforo,
  • Potassio,
  • Zinco,
  • Ferro,
  • Rame,
  • Manganese,
  • Selenio.

 

Perché assumerlo?

Tutte le sostanze sopra elencate sono fondamentali per il corretto funzionamento del: sistema nervoso e del sistema digestivo, ma non solo, il lievito di birra è un ottimo alleato anche per:

  • La flora batterica,
  • L’assimilazione alimentare,
  • Le difese immunitarie,
  • Depurare il fegato,
  • Contrastare l’anemia,
  • Tenere le arterie ben pulite,
  • Tenere sottocontrollo la glicemia,
  • Migliorare le funzionalità intestinali,
  • Migliorare l’aspetto di pelle, capelli e unghie.

 

Assumerlo durante i cambi di stagione è particolarmente consigliato per il suo potere energizzante e rinvigorente ma è un valido aiuto anche per contrastare l’acne, rinforzare i capelli e le unghie.

Grazie all’elevata presenza di sali minerali e vitamine è particolarmente consigliato anche agli sportivi.

Quindi, perché non assumerlo?

Come assumerlo per migliorare la salute dei capelli e della pelle

Il lievito di birra è un ottimo aiuto oltre che per la nostra salute anche per migliorare le condizioni dei capelli e della pelle.

Le sostanze contenute al suo interno sono ottime alleate per rinforzare e favorire la ricrescita dei capelli ma non solo: la presenza dello zinco, del rame e del selenio in combinazione con le vitamine del gruppo B aiutano a prevenire la comparsa dei capelli grigi.

È inoltre particolarmente indicato per chi ha una pelle grassa e con i brufoli perché ha un’azione sebo regolatrice che permette di depurare la pelle mentre la nutre profondamente.

Come assumerlo?

In commercio è facilmente reperibile in diversi formati: in polvere, in scaglie, in compresse o in panetto.

Le dosi consigliate variano a seconda del bisogno personale. Se preferite assumerlo in polvere la dose giornaliera raccomandata va da 1 a 3 cucchiai preferibilmente da assumere la mattina a digiuno, sciogliendo il lievito di birra in acqua tiepida.

Se invece preferite assumerlo sotto forma di compresse perché prive di quel sapore pungente che caratterizza il lievito di birra potete trovarle facilmente in erboristeria. L’assunzione può variare da 2 a 4 compresse al giorno sempre dietro consiglio medico.

Come ogni integratore non va concepito come un sostituto di una dieta sana e uno stile di vita equilibrato. Assumerlo in combinazione ad un’alimentazione equilibrata e in concomitanza allo svolgimento di attività fisica fa sì che il prodotto conferisca ancora più benefici all’organismo.

Come assumerlo nei cibi

E’ possibile assumerlo in altri modi? La risposta è sì. Questa sostanza è sempre più utilizzata per insaporire moltissime ricette. In particolare il lievito a scaglie può essere utilizzato come formaggio vegetale da utilizzare in sostituzione di quello animale.

Quindi potete assumerlo tranquillamente sulla pasta, nelle zuppe, nei minestroni e nelle verdure gratinate. Meglio se impiegato sui cibi a crudo in modo da lasciare inalterate tutte le sue proprietà.

Altri utilizzi lo vedono invece come una valida alternativa al sale e quindi utilizzato per insaporire i pop corn o le chips di verdure.

Altri usi del lievito di birra

Oltre ad assumerlo per via orale il lievito di birra può essere impiegato anche esternamente.

Per la salute dei capelli può essere utilizzato come una maschera che ridona lucentezza, forza e morbidezza ai capelli secchi e opachi. Basta sciogliere il lievito di birra e unirlo ad ingredienti dalle proprietà addolcenti e nutrienti come il latte, lo yogurt e il miele.

La maschera deve agire almeno per un ora affinché si possano notare i benefici, al termine risciacquare con un lavaggio non troppo aggressivo.

In caso di pelle grasse o mista il lievito di birra può essere impiegato anche come impacco da tenere sul volto almeno 15 minuti, basta unirlo allo yogurt.

Per contrastare i brufoli basta applicare sul viso un composto realizzato con 2 cucchiai di lievito di birra,  2 cucchiai di olio extravergine di oliva e 2 cucchiai di miele. Lasciate agire il composto per 15 minuti poi rimuovete il tutto con l’ausilio di acqua tiepida.

Per le unghie basta immergere le dita per circa 10 – 15 minuti in un litro di acqua dove è stato disciolto un panetto di lievito.

Controindicazioni del lievito di birra

Questa sostanza potrebbe causare degli effetti indesiderati se viene assunto in combinazione ad altri farmaci come quelli antidepressivi o narcotici.

È inoltre sconsigliato per chi soffre di candida e di insufficienza renale. Naturalmente da evitare in caso di allergie o intolleranze.

Anche se si tratta di un integratore naturale è sempre meglio assumerlo dietro parere di un medico che saprà consigliarvi le dosi giuste e come assumerlo.

 

Hai mai sentito parlare del sapone allo zolfo? Potrebbe interessarti anche Sapone allo zolfo contro i brufoli.

Autore dell'articolo: admin

avatar